FRANCESCO (FIGLIO) DI SANDRO ALTONI

Monomachia
Trattato dell’arte di scherma

CopertinaA cura di Alessandro Battistini, Marco Rubboli e Iacopo Vennipp. 408 – illustrato – dicembre 2007 – Casa editrice IL CERCHIO

Sulla scia delle precedenti pubblicazioni di manoscritti sulla scherma italiana antica questo libro presenta un nuovo inestimabile pezzo dell’eredità marziale italiana: un manoscritto databile presumibilmente nella prima metà del ‘500, redatto dal Maestro Fiorentino Francesco (figlio) di Sandro Altoni, probabilmente il Maestro del Duca Cosimo I, figlio di Giovanni delle Bande e Nere e futuro Granduca di Toscana. Tale importante ritrovamento, attentamente studiato e interpretato, pone finalmente un po’ di luce sulla scuola di scherma fiorentina nel Rinascimento. Vi si trovano numerosi contributi riguardo la storia e la pratica della scherma antica, oltre ad un’appendice tecnica, il tutto corredato da immagini su armi e posizioni utilizzate e da note storiche. La descrizione delle guardie e dei fondamentali schermistici, la trattazione organica e ordinata degli argomenti, i dettagli sul combattimento con varie armi, dalla spada alla picca, dalla spada a due mani al pugnale, con scudi di diversi tipi, guanti d’arme e tecniche di gioco stretto, sono un segno tangibile di un’epoca in cui anche Firenze, al pari di Bologna, era un punto di riferimento per la scherma in Italia e in Europa.

ADDET ET ERRATA CORRIGE della pubblicazione

In copertina, errore nel nome di uno dei curatori: si tratta di Marco Rubboli, e non di Massimo Rubboli.

Nella parte introduttiva, un errore di impaginazione ha collocato le immagini in punti sbagliati:

  • la formula Formula che compare in basso di pag. 12 deve essere collocata a pag. 20 andando a ricostruire il seguente passo:
    • Sul retro della carta 31 si trova, nell’elenco di appartenenti alla famiglia Sirigatti, il seguente stralcio:
    • Franc.o di Lorenzo di Franc.o Altoni di Lorenzo. Battiloro
    • Piera di Gio. di Lorenzo Sirigatti Formula
  • l’albero genealogico che si trova a pag. 13 non è scritto nel MS II.III.315 come può sembrare, ma è una ricostruzione in base alle informazioni raccolte che va collocato a pag. 21 immediatamente sotto la scritta: “CONOSCENZE ATTUALI SULLA GENEALOGIA ALTONI NEL XVI SECOLO A FIRENZE”. In tal modo il passo a pag. 13 ridiventa corretto:
    • Nella facciata seguente, sulla carta di guardia, la scritta in chiari caratteri (successiva alla stesura):

Monomachia
ovvero
Arte di Scherma
di Francesco Altoni

  • la marca riprodotta a pag. 14 è quella citata a pag. 22 e qui va collocata, all’interno del paragrafo: “UN ALTRO ALTONI TRATTATISTA”;

A pag. 64 manca l’indicazione a quali dei due manoscritti sono riferiti i segni dei colpi. Quello di sinistra (con i colpi centrati al centri del petto) fa riferimento al MS II.III.315, quello di destra (con i colpi centrati al basso ventre) fa riferimento al MS L.V.23.

Nel testo del libro primo si sono saltati i seguenti numeri di nota: 22, 42, 54, 64, 79, 80, 84, 133, 180, 182, 189, mentre fra le note la numerazione è continua causando un disallineamento. Le note a fondo libro primo vanno quindi rinumerate alla maniera seguente:

1 → 12 → 23 → 34 → 45 → 5

6 → 6

7 → 7

8 → 8

9 → 9

10 → 10

11 → 11

12 → 12

13 → 13

14 → 14

15 → 15

16 → 16

17 → 17

18 → 18

19 → 19

20 → 20

21 → 21

22 → 23

23 → 24

24 → 25

25 → 26

26 → 27

27 → 28

28 → 29

29 → 30

30 → 31

31 → 32

32 → 33

33 → 34

34 → 35

35 → 3636 → 3737 → 3838 → 3939 → 40

40 → 41

41 → 43

42 → 44

43 → 45

44 → 46

45 → 47

46 → 48

47 → 49

48 → 50

49 → 51

50 → 52

51 → 53

52 → 55

53 → 56

54 → 57

55 → 58

56 → 59

57 → 60

58 → 61

59 → 62

60 → 63

61 → 65

62 → 66

63 → 67

64 → 68

65 → 69

66 → 70

67 → 71

68 → 72

69 → 7370 → 7471 → 7572 → 7673 → 77

74 → 78

75 → 81

76 → 82

77 → 83

78 → 85

79 → 86

80 → 87

81 → 88

82 → 89

83 → 90

84 → 91

85 → 92

86 → 93

87 → 94

88 → 95

89 → 96

90 → 97

91 → 98

92 → 99

93 → 100

94 → 101

95 → 102

96 → 103

97 → 104

98 → 105

99 → 106

100 → 107

101 → 108

102 → 109

103 → 110104 → 111105 → 112106 → 113107 → 114

108 → 115

109 → 116

110 → 117

111 → 118

112 → 119

113 → 120

114 → 121

115 → 122

116 → 123

117 → 124

118 → 125

119 → 126

120 → 127

121 → 128

122 → 129

123 → 130

124 → 131

125 → 132

126 → 134

127 → 135

128 → 136

129 → 137

130 → 138

131 → 139

132 → 140

133 → 141

134 → 142

135 → 143

136 → 144

137 → 145138 → 146139 → 147140 → 148141 → 149

142 → 150

143 → 151

144 → 152

145 → 153

146 → 154

147 → 155

148 → 156

149 → 157

150 → 158

151 → 159

152 → 160

153 → 161

154 → 162

155 → 163

156 → 164

157 → 165

158 → 166

159 → 167

160 → 168

161 → 169

162 → 170

163 → 171

164 → 172

165 → 173

166 → 174

167 → 175

168 → 176

169 → 177

170 → 178

171 → 179172 → 181173 → 183174 → 184175 → 185

176 → 186

177 → 187

178 → 188

179 → 190

180 → 191

181 → 192

182 → 193

183 → 194

184 → 195

185 → 196

186 → 197

187 → 198

188 → 199

189 → 200

190 → 201

191 → 202

192 → 203

193 → 204

194 → 205

195 → 206

196 → 207

197 → 208

198 → 209

199 → 210

200 → 211

201 → 212

202 → 213

203 → 214

204 → 215

Nel testo del libro secondo si è saltata la nota 10, mentre fra le note la numerazione è continua causando un disallineamento. Le note a fondo libro secondo vanno quindi rinumerate alla maniera seguente:

1 → 12 → 23 → 34 → 45 → 5

6 → 6

7 → 7

8 → 8

9 → 9

10 → 11

11 → 12

12 → 13

13 → 14

14 → 15

15 → 16

16 → 17

17 → 18

18 → 19

19 → 20

20 → 21

21 → 22

22 → 23

23 → 24

24 → 25

25 → 26

26 → 27

27 → 28

28 → 29

29 → 30

30 → 31

31 → 32

32 → 33

33 → 34

34 → 35

35 → 36

36 → 3737 → 3838 → 3939 → 4040 → 41

41 → 42

42 → 43

43 → 44

44 → 45

45 → 46

46 → 47

47 → 48

48 → 49

49 → 50

50 → 51

51 → 52

52 → 53

53 → 54

54 → 55

55 → 56

56 → 57

57 → 58

58 → 59

59 → 60

60 → 61

61 → 62

62 → 63

63 → 64

64 → 65

65 → 66

66 → 67

67 → 68

68 → 69

69 → 70

70 → 71

71 → 7272 → 7373 → 7474 → 7575 → 76

76 → 77

77 → 78

78 → 79

79 → 80

80 → 81

81 → 82

82 → 83

83 → 84

84 → 85

85 → 86

86 → 87

87 → 88

88 → 89

89 → 90

90 → 91

91 → 92

92 → 93

93 → 94

94 → 95

95 → 96

96 → 97

97 → 98

98 → 99

99 → 100

100 → 101

101 → 102

102 → 103

103 → 104

104 → 105

105 → 106

106 → 107

107 → 108108 → 109109 → 110110 → 111111 → 112

112 → 113

113 → 114

114 → 115

115 → 116

116 → 117

117 → 118

118 → 119

119 → 120

120 → 121

121 → 122

122 → 123

123 → 124

124 → 125

125 → 126

126 → 127

127 → 128

128 → 129

129 → 130

130 → 131

131 → 132

132 → 133

133 → 134

134 → 135

135 → 136

136 → 137

137 → 138

138 → 139

139 → 140

140 → 141

141 → 142

142 → 143

143 → 144144 → 145145 → 146146 → 147147 → 148

148 → 149

149 → 150

150 → 151

151 → 152

152 → 153

153 → 154

154 → 155

155 → 156

156 → 157

157 → 158

158 → 159

159 → 160

160 → 161

161 → 162

162 → 163

163 → 164

164 → 165

165 → 166

166 → 167

167 → 168

168 → 169

169 → 170

170 → 171

171 → 172

172 → 173

173 → 174

174 → 175

175 → 176

176 → 177

177 → 178

178 → 179

179 → 180180 → 181181 → 182182 → 183183 → 184

184 → 185

185 → 186

186 → 187

187 → 188

188 → 189

189 → 190

190 → 191

191 → 192

192 → 193

193 → 194

194 → 195

195 → 196

196 → 197

197 → 198

198 → 199

199 → 200

200 → 201

201 → 202

202 → 203

203 → 204

204 → 205

205 → 206

206 → 207

207 → 208

208 → 209

209 → 210

210 → 211

211 → 212

212 → 213

213 → 214

214 → 215

A pag. 154 nella descrizione della figura la frase:

… è infatti la trasposizione moderna della analoga che compare nel trattato le proporzioni geometriche sono alquanto comuni, riporta come la spada debba essere proporzionata alla statura di chi la impugna …

deve essere corretta in:

… è infatti la trasposizione moderna della analoga che compare nel trattato di Federico Ghisliero, stampato nel 1587. Ghisliero, nel cui trattato le proporzioni geometriche sono alquanto comuni, riporta come la spada debba essere proporzionata alla statura di chi la impugna …

A pag. 209 la figura riportata di profilo è errata in quanto la stessa di pag. 210. La figura mancante riportava una spada uguale a quella delle figure di pag. 215, 216, 218 e 219.

Nelle tavole genealogiche:

  • a pag. 400: Margherita d’Asburgo (1422-1586) → Margherita d’Asburgo (1522-1586);
  • a pag. 403: Lorenzo de’ Medici detto “il Magnifico” (1449-1592) → Lorenzo de’ Medici detto “il Magnifico” (1449-1492);
  • a pag. 404: Don Giovanni de’ Medici (1563-1621) e Virginia (1568-1615), che risultano slegati dall’albero genealogico, sono figli di Cosimo I avuti rispettivamente da Eleonora degli Albizi e da Camilla Martelli.

Tutti i Trattati